Biosauna, la sauna intermedia tra calore e vapore

biosauna

La biosauna rappresenta una via di mezzo tra le alte temperature della sauna finlandese e l’elevata umidità del bagno turco. Caratterizzata da un ambiente accessibile ed accogliente, la biosauna è indicata per i neofiti dei centri benessere, per le donne e per gli individui affetti da ipotensione.

Le caratteristiche

La temperatura della sauna finlandese classica vi spaventa con i suoi 100°C? Il tasso di umidità del 100% all’interno del bagno turco non fa per voi? La biosauna (detta anche sanarium, tepidarium o calidarium) è una cosiddetta sauna media che si sviluppa in un ambiente del tutto accessibile, considerata la temperatura di 50/60°C e il tasso di umidità mai superiore al 70%. Essa si avvale dell’apporto di specifici olii essenziali che sono sprigionati tramite vaporizzazione da erbe naturali e fieno, ottimi per un effetto emolliente e rivitalizzante sulla pelle.

Gli effetti benefici

La biosauna è specifica per attivare la respirazione della cute e stimolare la circolazione sanguigna. Gli effetti benefici coinvolgono inoltre diversi aspetti dell’organismo umano. La dilatazione dei pori e la successiva respirazione della pelle favoriscono l’eliminazione delle tossine e la rigenerazione cutanea. Gli effetti positivi riguardano senza dubbio un rinnovato senso di relax, il ricambio cellulare, lo stimolo alla regolarità del metabolismo, la pace di dolori muscolari / articolari / reumatici, e il rinnovamento delle difese immunitarie.

Controindicazioni

La biosauna è indicata generalmente a tutti, dai bambini, alle donne agli anziani. Tuttavia persistono alcune controindicazioni, specie nelle persone affette da cardiopatie, infiammazioni, malattie contagiose, fenomeni di epilessia, ipertensione, flebite, gastrite, ulcera, esofagite, otite, nonché negli individui soggetti ad ipertensione.

Come fare la biosauna

Prima di accedere alla biosauna è buona norma fare una doccia detergente in modo tale da ripulire i pori da eventuali occlusioni sebacee per favorire così la traspirazione cutanea. Terminata la doccia preventiva, asciugarsi ed entrare in sauna. All’interno dell biosauna è possibile stazionare seduti o distesi. La permanenza consigliata per il primo approccio a questa tipologia di sauna è di circa 20 minuti: durante questo lasso di tempo, è importante non affaticare la muscolatura e la respirazione (si consiglia pertanto di frequentare l’ambiente in un clima di relax e silenzio). Una volta terminata la sauna ed assimilati tutti i suoi principi benefici, alzarsi lentamente in modo da non indurre a giramenti di testa dovuti alla stanchezza. Una volta usciti dalla sauna, fare una doccia e/o un bagno freddo per ristabilire la normale temperatura corporea e per tonificare l’organismo. Terminato questo passaggio dedicarsi ad un leggero movimento ed all’idratazione corporea tramite l’assunzione di bevande naturali (acqua naturale, tisane, bevande calde, ecc.). Infine stazionare nei luoghi adibiti al riposo e stendersi per una ventina di minuti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi gli sconti e le offerte delle nostre SPA